Neoumanesimo
La liberazione dell'intelletto: Neoumanesimo
© Ananda Marga Italia
ultime ricerche
neoumanesimo
... altre ricerche ...
Home > Il neoumanesimo è l'ultimo rifugio
RSS Atom Pdf stampa
Home
Capitolo 1
Capitolo 2
Capitolo 3
Capitolo 4
Capitolo 5
Capitolo 6
Capitolo 7
Capitolo 8
Capitolo 9
Capitolo 10
Capitolo 11
Contatti
Il neoumanesimo è l'ultimo rifugio
Capitolo 11

L'umanità di oggi ha senza dubbio fatto dei progressi nella intellettualità, nella saggezza e nella razionalità. Gli esseri umani sono venuti su questa terra circa un milione di anni fa. Le sensazioni e i sentimenti, le speranze e le aspirazioni, le frustrazioni e le delusioni, le preoccupazioni e le ansie, i piaceri e le pene, le lacrime e i sorrisi degli esseri umani di oggi, sono quasi le stesse di quelle degli umani primitivi. La differenza è che le emozioni e i sentimenti degli esseri umani di oggi sono più profonde di quelle dei loro antenati.

Non soltanto c'è stato un aumento nella profondità dei sentimenti, ma insieme a questo c'è stato anche un aumento nella originalità dei loro pensieri. L'umanesimo include la somma di tutte le perfezioni e imperfezioni degli esseri umani, e quando questi pensieri e idee più elevate sono combinate insieme, essi producono un essere umano completo.

La parola "umano" è usata sia come nome che come aggettivo e significa un essere umano avente sia perfezioni che imperfezioni. Che male c'è se uso la parola "umanesimo" per significare gli ideali degli esseri umani antichi, e se uso lo stesso termine per significare le qualità dell'essere umano di oggi? Potrei farlo, ma non lo farò perché la gente di quei tempi non comprendeva completamente ciò che è l'umanesimo; essi non potevano analizzano correttamente. Le implicazioni più profonde dell'umanesimo non erano completamente analizzate in quel lontano passato, e non lo sono neppure oggi.

Durante l'ultimo milione di anni della storia umana, non c'è stata giustizia appropriata nell'umanità. A una particolare classe, ad un particolare settore è stata data un'importanza più grande che agli altri, e in questo processo gli altri settori dell'umanità sono stati trascurati. Ad esempio, quando un soldato sacrifica la sua vita sul campo di battaglia, la sua morte è annunciata in grossi caratteri suoi giornali, ma lo stesso giornale non dice niente riguardo alle grandi privazioni che la vedova deve affrontare per mantenere in piedi la piccola famiglia dopo la morte di suo marito. Così è stata applicata una giustizia unilaterale.

Benché la questione riguardi la grammatica e non sia facile da cambiare dal giorno alla notte, il termine "uomo", usato genericamente, include sia l'uomo che la donna. E allora perché "donna" non significa anch'esso sia donna che uomo? Anche questa è una giustizia ineguale. "Uomo" è al genere maschile, ma "uomo" è anche nome generico.

Gli esseri umani hanno zoppicato in avanti nel loro viaggio nella storia nell'ultimo milione di anni, portando il fardello di questo sistema sociale difettoso: non a tutti veniva data uguale giustizia.

Questo è il motivo per cui io dico che non è stata fatta giustizia né all'umanità, (l'idea astratta degli esseri umani), né all'umanesimo (idea astratta del lavoro fatto degli esseri umani). Ora è giunto il tempo per una rappresaglia dell'umanità calpestata, dell'umanesimo calpestato.

Spesso delle persone sono rimaste indietro, esauste, e sono cadute sfinite sulla terra, con le gambe e le ginocchia ferite ed i vestiti imbrattati di fango. Queste persone sono state buttate da parte con odio e sono diventate i reietti della società; sono state costrette a rimanere isolate dalla corrente principale della vita sociale. Questo è il tipo di trattamento che hanno ricevuto. Pochi si sono preoccupati di rialzare quella gente che era rimasta indietro, di aiutarla ad andare avanti.

Quando delle persone hanno cominciato ad avanzare, hanno pensato più a sé stessi e meno agli altri, tanto meno hanno pensato agli animali e alle piante. Ma se analizziamo a mente fredda, diventa abbastanza chiaro che, come la vita è importante per me, allo stesso modo le vite degli altri sono ugualmente importanti per loro; e se non diamo il valore appropriato alla vita di tutte le creature, allora lo sviluppo dell'intera umanità diventa impossibile. Se le persone pensano più a loro stesse come individui o alle loro piccole famiglie, caste, clan, o tribù e non pensano affatto alla collettività, ciò è decisamente dannoso. Ugualmente, se la gente trascura l'intero mondo vivente, il mondo delle piante, il mondo degli animali, non è neanche questo dannoso? Questo è il motivo per cui dico che c'è un grande bisogno di spiegare "l'umanità" e "l'umanesimo" in una nuova luce, e quest'umanesimo nuovamente spiegato sarà un tesoro prezioso per il mondo.

Che cos'è il NeoUmanesimo? Il NeoUmanesimo è l'umanesimo del passato, l'umanesimo del presente e l'umanesimo nuovamente spiegato, del futuro. Spiegare l'umanità e l'umanesimo in una nuova luce allargherà il sentiero del progresso umano, rendendolo più facile da percorrere. Il NeoUmanesimo darà una nuova ispirazione e fornirà una nuova interpretazione al concetto stesso dell'esistenza umana. Aiuterà la gente a capire che gli esseri umani, in quanto esseri più intelligenti di questo universo creato, dovranno accettare la grande responsabilità di prendersi cura dell'intero universo; dovranno accettare di essere responsabili per l'intero universo.

Cos'è dunque il NeoUmanesimo? L'umanesimo nuovamente spiegato e nuovamente propagato è il NeoUmanesimo; la filosofia che farà comprendere alle persone che non sono semplicemente delle creature ordinarie. Questa filosofia li libererà da tutti i sentimenti di inferiorità e dai difetti e li renderà consapevoli della loro propria importanza; li ispirerà a costruire un nuovo mondo.

Ho già spiegato che un umanesimo distorto ha creato nel mondo un danno enorme, e lo sta ancora facendo. A meno che esso non sia rimpiazzato dal NeoUmanesimo, potrà essere la causa di una terribile catastrofe per l'umanità.

Chi sono le persone che diffondono questo umanesimo distorto? Quelle che sono motivate da una strategia pseudoumanistica. Esse utilizzano questa strategia per i loro interessi egoistici o di gruppo, invece di permettere all'umanità di muoversi verso il NeoUmanesimo.

Come rettificare dunque la situazione creata da questa gente? Portando questo umanesimo distorto verso il NeoUmanesimo, possiamo creare una panacea per tutte le sofferenze psicospirituali. Ma se al contrario permettiamo che l'umanità si muova lungo il sentiero del pseudoumanesimo, la vita sociale, economica, politica, culturale e spirituale sarà piena di distorsioni e difetti che contamineranno e degraderanno la mente umana. Ho già parlato di questi difetti in dettaglio.

Discuteremo ora della panacea. Ci sono generalmente due tipi di persone che creano distorsioni fra l'umanità, non permettendo all'umanità di muoversi verso il NeoUmanesimo. Un tipo di persone lo sta facendo inconsapevolmente, non realizzando per niente quale grande danno stanno facendo alla società umana e ai regni vegetale e animale che sono associati con gli esseri umani.

Il secondo tipo di persone invece sta consapevolmente e deliberatamente lavorando con una strategia pseudoumanistica, li ho descritti come "camaleonti umani", quelli che cambiano di frequente il loro colore. Possiamo aspettarci da loro due tipi di reazioni, se li informiamo sugli aspetti fisico-psichico-spirituali del NeoUmanesimo. Alcune persone diranno: "Ah, che grande errore ho fatto! Ho scritto così tanti articoli dando un'importanza eccessiva al signor Tal dei Tali. Da oggi non farò di nuovo questo errore. Poiché la mia vista era oscurata, non potevo vedere i suoi difetti e le sue debolezze, ma ora che le ho scoperte mi muoverò sul sentiero giusto e cercherò di fare del bene agli altri".

Ma fra coloro che hanno fatto del male agli altri inconsapevolmente, quelli che sono egoisti non accetteranno i loro errori neanche quando li scopriranno. Essi diranno: "Vedete, sembra che abbia fatto un errore, e il Tal dei Tali lo ha messo in rilievo. E un grande insulto per me, non posso tollerarlo! Benché possa aver detto la verità, accettandolo ne va della mia dignità. È troppo umiliante! Anche se ammetto di aver fatto del male alle persone sarà una grande macchia sulla mia personalità, come posso permettere che ciò accada? Così continuerò a muovermi sullo stesso sentiero che ho sempre seguito, non accetterò mai il mio errore. Continuerò piuttosto a sostenere che quello che ho fatto è giusto. Ciò può far del male alle persone, ma io devo essere sicuro che il mio prestigio non sia danneggiato".

Generalmente incontrerete questi due tipi di persone nella società. Comunicando questo messaggio del NeoUmanesimo in ogni casa, incontrerete questi due tipi di persone. Ma io spero che quelli che hanno adottato consapevolmente la strategia pseudoumanistica, realizzeranno il loro errore e si rettificheranno. Potrete allora utilizzarli immediatamente per promuovere il benessere generale.

Un po' di tempo fa ho detto che dovete portare la gente oltre questo velo dell'oscurità verso l'alba vermiglia, così che possano correggersi e diventare il tesoro prezioso dell'umanità. Quelle persone egoiste che sono sviate dall'ego perderanno la loro intelligenza. Colui che si oppone a causa dell'ego ferito, verrà infine sconfitto. Quando l'ego è gonfiato, l'intelletto decade. E, uno il cui intelletto è piccolo può essere facilmente sconfitto. Così non c'è bisogno di preoccuparsi di loro.

Ma coloro che consapevolmente seguono una strategia pseudoumanistica e che rifiutano di essere rettificati, arriveranno agli estremi, e quando si accorgeranno che tutti i loro stratagemmi sono stati scoperti e non c'è più niente di segreto, allora si dispereranno. Per mezzo dei mass-media a loro disposizione useranno tutta la loro verbosità, tutta la loro abilità, tutte le armi che possiedono perché non avranno altra via d'uscita. Forse potranno avere qualche debole desiderio di correggersi fintanto che avranno realizzato come era nero il loro passato, secondo lo standard del NeoUmanesimo non sono meglio dell'oro falso; ma è sicuro comunque che quando le persone consapevoli riconosceranno la loro vera natura, li scaraventeranno nella pattumiera della storia senza alcun rimorso.

Finora vi ho spiegato l'approccio del NeoUmanesimo; vi ho detto che l'umanesimo spiegato di nuovo è NeoUmanesimo. Allora la questione è come muoversi su questo sentiero del NeoUmanesimo; come compierlo? Come combattere contro quelli che hanno adottato le strategie pseudoumanistiche e che, consapevolmente o inconsapevolmente hanno fatto un grande danno alla gente? Entrambe queste due questioni sono collegate, e così le loro risposte.

L'esistenza umana non è soltanto fisica, psichica o spirituale, comprende tutti e tre gli aspetti. In questo caso quale dovrebbe essere l'approccio corretto? Il primo passo è il culto spirituale (la pratica). Che cos'è? L'intero ordine cosmologico include il mondo fisico, materiale, che è controllato dall'Entità Macropsichica. Ancora, dietro questa Entità Macropsichica c'è lo Spirito Supremo (Macrospirito).

Infatti, questo nostro universo è un'emanazione macropsichica (un pensiero della mente Cosmica), perciò in nessun caso l'essere umano può negare questo mondo fisico. Bisognerà analizzare profondamente tutta l'inconsistenza di questo mondo fisico, e questo processo di analisi sarà fatto dall'esistenza micropsichica (la mente individuale).

Ci sono molte persone con un'enorme potenzialità mentale, ma non hanno una chiara linea di pensiero. Perciò esse pensano scorrettamente, e il risultato dei loro pensieri difettosi, sono azioni difettose. Quelle persone non sono appropriatamente guidate sul sentiero dell'Entità Macropsichica.

Quando qualcuno fa un errore, abbiamo la tendenza a condannarlo ad ogni passo. Dovremmo capire che quella persona soffre di un certo disturbo macropsichico e per curare quel disturbo dovremmo farlo partecipe della filosofia del NeoUmanesimo. Non lo abbiamo fatto e questo è stato il nostro crimine.

Allora da dove ha origine quella entità Macropsichica? L'entità micropsichica (la mente individuale) è un insieme di diversi ectoplasmi e questi ectoplasmi sono emanati direttamente dall'ectoplasma Macropsichico e indirettamente dal Macrospirito (lo Spirito Supremo). Da una parte dovremo provvedere la pabula psichica appropriata perché gli esseri umani pensino correttamente, e dall'altra parte dobbiamo dare la giusta guida agli ectoplasmi micropsichici (le menti individuali) per muoversi verso il Macrospirito. Anche in questo caso abbiamo mancato al nostro dovere; abbiamo commesso un altro crimine.

Per costruire una sana razza umana avremmo dovuto dare ad essa una guida appropriata nella filosofia, nella scienza, in tutte le branche della conoscenza umana, cosa che non abbiamo fatto. Abbiamo utilizzato la scienza più per scopi distruttivi che per scopi benefici, abbiamo distorto i processi di pensiero degli esseri umani; abbiamo deliberatamente sviato la gente invece di portarla sul sentiero giusto. Abbiamo insegnato alla gente a pensare a quale bomba possa distruggere molti milioni di persone in una volta, ma non abbiamo mai propagato una filosofia per insegnare loro a pensare come milioni di persone potrebbero essere beneficate dalle pratiche psicospirituali. Così gli esseri umani di oggi stanno seguendo un sentiero sbagliato, e c'è un bisogno disperato di un cambiamento di direzione. Il solo rimedio è il NeoUmanesimo.

Ci sono tre stadi in questo sentiero del NeoUmanesimo. Il primo è il culto (pratica) spirituale. Cos'è il culto spirituale? Per sua natura è fisico-psichico-spirituale ed è un processo, quindi fisico-psichico-spirituale, che vi mostrerà come rimuovere i difetti del mondo psichico (interno) e anche del mondo esterno, e vi renderà capaci di muovervi senza indugio verso il mondo spirituale. Questo movimento verso la meta spirituale vi aiuterà anche a stabilirvi nel mondo fisico e psichico, così che diventerete capaci di rendere un più grande servizio a tutte le persone. Questo è ciò che chiamo "culto spirituale". Il progresso in questo culto spirituale comincia con l'elevazione delle cellule protoplasmatiche e termina finalmente con il raggiungimento della Meta Suprema. Questo culto fisico-psichico-spirituale aiuterà il mondo fisico e la psiche (individuale) del mondo psichico direttamente e indirettamente e anche il mondo spirituale direttamente. Ma ciò non è abbastanza, il nostro viaggio non è ancora finito.

Il secondo stadio è l'essenza spirituale. Questo stadio è relativo soprattutto agli strati psichici e spirituali. Se considerate l'intera razza umana, vedrete che l'umanità ha una mente collettiva (non la mente cosmica). Ora, devono avvenire dei cambiamenti nel flusso mentale di questa Mente Collettiva. perciò dovrete creare una nuova onda di pensiero in essa. E a causa del modo di pensare dell'umanità che fino ad oggi, l'andatura del progresso umano è stata penosamente lenta. Se gli verrà data una nuova direzione la velocità del progresso umano sarà grandemente accelerata.

Vediamo dunque che il secondo stadio dell'essenza spirituale avrà luogo nel regno psichico e in quello spirituale; si svilupperà nella mente psichica collettiva, nell'ectoplasma collettivo dell'intera umanità. L'umanità come un insieme sarà convertita in una potente forza spirituale, in quella fase nessuna strategia pseudoumanistica funzionerà. Tutte le altre armi diventeranno completamente impotenti di fronte a questa potentissima arma spirituale (Brahma'stra).

Ma ancora c'è qualcos'altro che io ho descritto come "spiritualità come missione". Così per prima cosa c'è la "spiritualità come culto", per seconda c'è la "spiritualità come essenza" e per terza c'è la "spiritualità come missione".

Tutti i fenomeni esistenti sono emanati dal Nucleo Esistenziale. Il Nucleo Esistenziale di un singolo individuo è direttamente collegato con il punto di controllo del Nucleo Cosmico del sistema cosmologico. Ma questo sentiero non è psicospirituale. D'accordo con il NeoUmanesimo la Meta Suprema e Finale è di far coincidere il nucleo esistenziale individuale con il Nucleo Esistenziale Cosmico. Come risultato l'intera esistenza individuale diventa una con il Nucleo Controllore del sistema cosmologico e questa sarà l'espressione più alta del NeoUmanesimo. Questo status neoumanistico salverà non soltanto il mondo degli esseri umani, ma anche quello delle piante e degli animali. In questo Supremo Status neoumanistico l'umanità universale raggiungerà la meta della sua esistenza. Allora niente sarà impossibile per gli esseri umani; saranno capaci di fare tutto ed ogni cosa.

Oggi l'umanità è nella disperazione; le persone pensano troppo alle loro imperfezioni; pensano: "Posso farlo?" Ma in quel Supremo Umanistico, esse diranno: "Si, sono un essere neoumanistico e sono destinato a fare un grande lavoro, per questo sono venuto su questa terra". Così non c'è posto per il dubbio se posso farlo o no.

Molto tempo fa andai a Purulia. Portavo con me un bagaglio pesante. Ho chiesto ad un uomo del villaggio: "Puoi portarmi questo bagaglio?". Ha risposto! "Perché no! Certo che posso!". Ho apprezzato moltissimo la sua risposta e sono sicuro che un giorno questo NeoUmanesimo ispirerà la popolazione del mondo a dire: "Perché no! Certo che possiamo!". E sono fiducioso che in quel giorno nessun geosentimento sarà in grado di affermarsi, nessun sociosentimento sarà capace di alzare barriere di discriminazione nella società umana, né alcun demone sarà capace di fare del male a milioni di persone nel nome dell'umanesimo sfruttando la loro credulità. E quando quegli esseri umani sempre vigilanti, quelle entità fisico-psichico-spirituali saranno capaci di immergere i loro nuclei esistenziali nel Supremo Nucleo Esistenziale, soltanto allora il NeoUmanesimo sarà permanentemente stabilito, e gli esseri umani saranno per sempre messi al sicuro nella gioia e nella libertà. In quei giorni essi proclameranno a gran voce: "Siamo venuti nel mondo per fare grandi cose, per il benessere fisico di tutti, per la felicità psichica di tutti, e per l'elevazione spirituale di tutti; per portare tutti dall'oscurità alla luce".

Anche allora se qualcuno dirà: "No, l'oscurità è ciò che desidero"!, noi gli diremo: "Va bene, l'oscurità è ciò che tu desideri ma per una volta soltanto perché non vieni a vedere la luce che è ancora più bella!".

Calcutta, 29 Marzo 1982